La Gioia di Vivere e lo Yoga

Lo yoga riesce a riempire la nostra Vita di Gioia, andando a contrastare tutto ciò che si oppone a questa meravigliosa manifestazione, come ad esempio l'ansia, il timore eccessivo, la tristezza, la negatività, l'insicurezza... e come ci riesce?

L’esperienza dello yoga porta la coscienza ad espandersi, a scoprire il nostro vero Essere e a farci sentire in unione con il Tutto, a sentire l’intimo collegamento tra noi in quanto Individuo e l’Universo.
Questo avviene in gran parte attraverso le asana (postura/posizioni yogiche); il significato di asana deriva dalla radice sanscrita “as” che si può tradurre come “stare quietamente senza interruzioni” e questo implica comodità, ma soprattutto una buona e onesta comunicazione con il proprio corpo.
È interessante sapere che questa parola viene anche tradotta come “Essere”, “celebrare”.
Molte asana, soprattutto le prime e più tradizionali, sono a terra e questo probabilmente per stabilire il contatto con Madre Terra.
Nelle asana noi possiamo sostare pacificamente a lungo, sentendo appieno l’energia vitale, il Prana che scorre in tutto il nostro corpo e compiendo ogni volta un’esperienza unica e irripetibile e questo dona un grande momento di consapevolezza che ci fa apprezzare la meraviglia del Creato e che al tempo stesso ci mette in grado di provare la gioia e l’amore verso la Vita; le asana ci predispongono a ricevere, a godere, ad Essere appunto.
L’atto sacro della gratitudine avviene nella staticità, nel riconoscere e onorare ciò che è sempre fermo e stabile anche in mezzo al movimento; questo stato di pace mentale ci porta a sentirci contemplativi, celebrativi, vitali, liberi.
Ecco uno dei modi del come accade la Gioia di Vivere nello yoga

foto di proprietà di Vivek B. Gaur e Subala Vassallo

Commenti